headerphoto

Novità sugli appalti ULTIMI 30 GIORNI

  • REQUISITI – LAVORI ANALOGHI – ELEVATO STANDARD DI PROFESSIONALITA’ - LEGITTIMITÀ – BUON ANDAMENTO ED EFFICIENZA P.A.
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Non vi è violazione del principio di tassatività nella scelta, effettuata dal comune, di richiedere un elevato standard di professionalità che garantisca un patrimonio esperienziale consistente nello svolgimento di analoghi servizi di sorveglianza sanitaria per enti con numerosi dipendenti, e ciò proprio in nome del principio di buon andamento e di efficienza della pubblica amministrazione.
  • PRINCIPIO DI ROTAZIONE – INVITO AFFIDATARIO USCENTE – CARATTERE ECCEZIONALE – ART. 36 IMMEDIATAMENTE PRECETTIVO (36.7 – LINEE GUIDA 4)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Come emerge testualmente dalla lettura del citato articolo 36, le stazioni appaltanti devono assicurare che nella aggiudicazione degli appalti e delle concessioni sia garantito il rispetto del principio di rotazione degli incarichi. In attuazione di tale principio, l’invito all’affidatario uscente riveste carattere eccezionale e deve essere adeguatamente motivato.
  • FASE ESECUTIVA APPALTO - REVISIONE PREZZO – NO RITO APPALTI – INDICI ISTAT
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Le controversie che attengono alla revisione del prezzo di un appalto non rientrano nella disciplina del c.D. Rito appalti di cui all'art. 120 c.P.A., in quanto si tratta di fattispecie attinente alla fase esecutiva del contratto. Nell’effettuare la revisione, la p.A. Deve attenersi all'indice istat, affinché le operazioni di revisione del prezzo siano conformi a criteri oggettivi, e ciò al fine di tutelare l'esigenza della p.A. Di non sconvolgere il proprio quadro finanziario.
  • RTI COSTITUENDO – SOTTOSCRIZIONE OFFERTA DA PARTE DI TUTTE LE IMPRESE ASSOCIATE – MANCANZA – MOTIVO DI ESCLUSIONE
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    In caso di offerta presentata da un raggruppamento temporaneo non ancora costituito - essa deve, a pena di esclusione, essere sottoscritta da tutti i componenti del costituendo rti.
  • COSTI MANODOPERA INADEGUATI – GIUSTIFICAZIONI – NON POSSONO ALTERARE L’OFFERTA – OFFERTA INCOERENTE (83)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Non sono ammesse le giustificazioni offerte dalla parte ricorrente qualora esse costituiscano, nella sostanza, una inammissibile “modificazione strutturale dell’offerta” mediante l’allegazione di elementi del tutto avulsi rispetto alla proposta iniziale. Ne consegue che l’offerta non si può considerare complessivamente coerente, né valutabile in termini economici e di affidabilità.
  • ANOMALIA DELL'OFFERTA - ESCUSSIONE GARANZIA (93)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Escussa la garanzia in ipotesi di anomalia dell'offerta per incongruenza della voce relativa al costo della manodopera.
  • MANCATA INDICAZIONE ONERI DI SICUREZZA - ESCLUSIONE (95.10)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Le imprese partecipanti ad una pubblica gara devono indicare sempre nell’offerta economica gli oneri di sicurezza e ciò a prescindere da una specifica indicazione in tal senso nella disciplina di gara.
  • ACQUISTI DI IMPORTO INFERIORE A 1.000 EURO - COMUNICAZIONI TELEMATICHE - LIMITI (40.2)
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Per gli acquisti infra 1.000 euro è possibile procedere senza l’acquisizione di comunicazioni telematiche.
  • ATI - CONCORDATO CON CONTINUITA' AZIENDALE - LIMITI PARTECIPATIVI MANDANTE/MANDATARIA - LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE (80.5.B - 110.3)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Sollevata la questione di legittimità costituzionale, laddove sia consentita la partecipazione alle gare pubbliche alle imprese singole, se sottoposte a concordato con continuità aziendale, e ai raggruppamenti temporanei di imprese, ove vi sia sottoposta una mandante, ma sia vietata ai raggruppamenti temporanei di imprese, nel caso in cui sia la mandataria assoggettata a tale procedura.
  • MEPA - TERMINI PROPOSIZIONE RICORSO AVVERSO AGGIUDICAZIONE
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Nell’ambito di una rdo mepa per valutare la tempestività del ricorso va considerata la data - registrata in piattaforma - in cui la ricorrente ha effettuato “il prelievo” della comunicazione di aggiudicazione.
Pagina: 1 di 5

Quesiti ULTIMI 30 GIORNI

  • accesso atti concorrenti in poisizione deteriore
     
    Buongiorno.. è legittimo che la seconda in graduatoria chieda l'offerta tecnica dei concorrenti che seguono in graduatoria? Grazie per la cortese risposta
  • Divieto avvalimento Sios
     
    Buongiorno, l’art. 89 del nuovo Codice dei Contratti in tema di avvalimento è stato recentemente modificato. In particolare, dal primo periodo del comma 11 che disciplina la non ammissibilità dell'avvalimento, infatti, è stata espunta la frase: “…oltre ai lavori prevalenti,…”, che puntualmente rendeva operante il divieto di avvalimento per le categorie scorporabili e altamente specializzate (SIOS) di importo superiore al 10% dell’ammontare complessivo dei lavori. Vista l’attuale ambigua/perfettibile formulazione del citato comma 11, si chiede, pertanto: - oggi il divieto di avvalimento riguarda anche l’eventuale categoria prevalente (talvolta l’unica oggetto di appalto), laddove la stessa sia, appunto, una SIOS? Nulla quaestio, sembrerebbe di intuire, per quanto attiene alle categorie scorporabili, che nel secondo periodo del citato comma 11, rimangono quelle per le quali: “E' considerato rilevante, ai fini della sussistenza dei presupposti di cui al primo periodo (avvalimento non ammesso), che il valore dell'opera superi il dieci per cento dell'importo totale dei lavori”. Ringrazio per la Cordiale Attenzione che sarà Vs. cura prestare alla presente istanza. Distinti Saluti. Il tecnico Geom. Antonio Pani - Comune di Nuoro.
  • verifica requisiti - grave illecito professionale
     
    E' stata indetta una gara di appalto con procedura aperta da aggiudicarsi secondo il criterio del prezzo più basso con esclusione automatica delle offerte anormalmente basse. Alla scadenza fissata per la ricezione sono pervenute n.206 offerte; nominata di conseguenza la Commissione di Gara è stata avviata la fase di valutazione delle offerte medesime. Nel corso dell’esame delle buste A, contenenti la documentazione amministrativa, per come appreso da vari quotidiani locali, i legali rappresentanti e/o direttori tecnici di n.3 partecipanti sono stati oggetto di misure restrittive della libertà personale (custodia cautelare in carcere e arresti domiciliari) nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura per la presunta commissione di reati commessi alla regolare esecuzione di procedure di appalto e altri reati contro la pubblica amministrazione. I suddetti operatori economici erano già stati ammessi al prosieguo della procedura di che trattasi essendo la documentazione amministrativa presentata conforme a quanto richiesto dal Bando e dal Disciplinare di Gara; purtuttavia la sottoposizione alle misure restrittive della libertà personale dei soggetti di che trattasi pone concreti dubbi in ordine alla necessità per la commissione di escludere i predetti operatori economici dalla procedura. Le ipotesi di reato contestate potrebbero infatti integrare la fattispecie prevista dall’art.80 comma 5 lett. C il quale prevede espressamente che “Le stazioni appaltanti escludono dalla partecipazione alla procedura d'appalto un operatore economico in una delle seguenti situazioni, anche riferita a un suo subappaltatore nei casi di cui all'articolo 105, comma 6, qualora: … omissis… c) la stazione appaltante dimostri con mezzi adeguati che l'operatore economico si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità” . La commissione di gara terminata la fase di esame della documentazione amministrativa, prima dell’apertura della busta delle offerte economiche ad anche al fine di evitare che concorrenti –che in astratto potrebbero esclusi dal prosieguo della procedura- partecipino alla formazione delle medie di aggiudicazione, ha ritenuto di richiedere il presente parere consultivo sulla normativa finalizzato a conoscere la corretta applicazione al caso di specie della norma sopra citata. Tutto ciò premesso e considerato si chiede di conoscere se nel caso in cui la commissione di gara viene a conoscenza di misure restrittive della libertà personale nei confronti di un concorrente per la presunta commissione di reati commessi alla regolare esecuzione di procedure di appalto e altri reati contro la pubblica amministrazione si debba procedere all’esclusione dalla gara ai sensi dell’art. 80 comma 5 lett. C) del D.Lgs 50/2016
Pagina: 1 di 1