headerphoto

Novità sugli appalti di febbraio 2020

  • RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE DELLE STAZIONI APPALTANTI – RISARCIMENTO DANNI
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    La revoca, intervenuta a distanza di circa due anni dall’aggiudicazione della gara, motivata dalla non ammissione del progetto a finanziamento, sulla base delle decisioni della regione determina una responsabilità precontrattuale da comportamento.
  • MANCATA INDICAZIONE COSTO MANODOPERA – SILENZIO DEL BANDO - ESCLUSIONE (95.10)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    L’omessa previsione nel bando e nel disciplinare di gara di un’espressa clausola di esclusione per il caso di mancata indicazione separata dei costi della manodopera determina esclusione del concorrente.
  • SISTEMA DINAMICO DI ACQUISIZIONE – ACQUISTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE – ANTICIPATO RISPETTO ALLA PUBBLICAZIONE DEL BANDO (55)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Nel sistema dinamico di acquisizione e requisiti di qualificazione il momento della qualificazione è anticipato rispetto a quello della pubblicazione del bando.
  • COMMISSARI DI GARA – REQUISITI E COMPETENZA SETTORE SPECIFICO (77)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Il requisito dello “specifico settore” deve essere inteso in modo coerente con la poliedricità delle competenze spesso richieste in relazione alla complessiva prestazione da affidare, cioè con riferimento ad aree tematiche omogenee e non anche alle singole e specifiche attività oggetto dell'appalto.
  • SOCCORSO ISTRUTTORIO – CAUZIONE MANCANTE – INTEGRAZIONE IN 2 GIORNI – LEGITTIMO (83.9)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    L’assegnazione di un termine di due giorni consecutivi per la produzione della cauzione provvisoria non prodotta, mediante soccorso istruttorio, è da ritenersi legittima.
  • SANZIONE INTERDITTIVA – FALSA DICHIARAZIONE – IMMEDATA ESCLUSIONE (80.12)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    L’operatore economico deve essere immediatamente escluso ogni volta in cui la sanzione interdittiva dell’anac venga irrogata in pendenza di una procedura di gara.
  • AFFIDABILITA’ PROFESSIONALE IMPRESA – VALUTAZIONE ENTRO LIMITI DI RAGIONEVOLEZZA, LOGICITÀ E PROPORZIONALITÀ (80.5. C TER)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    La valutazione sul livello di affidabilità di un’impresa è connotata da un’ampia discrezionalità di apprezzamento, ma non deve violare i limiti di ragionevolezza, logicità e proporzionalità entro i quali il potere della stazione appaltante deve, comunque, essere esercitato.
  • CRITERI PER LA NOMINA DEL RPCT
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Il rpct deve essere scelto possibilmente tra i dirigenti non assegnati a uffici che svolgono attività nei settori più esposti al rischio corruttivo. Di conseguenza non è opportuno che il rpct svolga funzioni in merito all’istanza di riesame/mediazione tributaria in quanto tale procedimento di deflazione del contenzioso insiste in aree considerate ad alto rischio corruttivo.
  • AGGIORNAMENTO BANDO TIPO N. 1 – AVVIATA VERIFICA DI IMPATTO DELLA REGOLAZIONE (71)
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Avvio della valutazione di impatto della regolazione sull’utilizzo del bando-tipo n.1
  • ESTENSIONE DEROGA GARANZIA PROVVISORIA – MANCATA PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO SUI RISULTATI IN IPOTESI DI AFFIDAMENTI DIRETTI SOTTO 40.000 EURO
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Richiesta di modifica degli articoli 93, comma 1, 36, comma 2, lettera a) e 98 del codice.
Pagina: 1 di 15

Quesiti di febbraio 2020

  • mancato obbligo Avcpass nelle gare telematiche
     
    Buongiorno, chiedo un vostro parere in merito al seguente quesito: la delibera ANAC 111/2012, che ha istituito il sistema AVCPASS, all'art. 9,comma 1-bis, ha previsto quanto segue: Per gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € 40.000,00 svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione mercato elettronico, nonché per i settori speciali, il ricorso al sistema AVCPass per la verifica dei requisiti sarà regolamentato attraverso una successiva deliberazione dell’Autorità. Non ho notizia di una successiva deliberazione ANAC con cui siano state disciplinate queste ipotesi. Inoltre, dal 18.10.2018 le stazioni appaltanti sono obbligate a ricorrere a procedure di affidamento interamente gestite con sistemi telematici (ad es. Sintel). Quindi, ad oggi, in caso di procedura esperita su Sintel o su MEPA è obbligatorio il ricorso al sistema AVCPASS, richiamando l'art. 216, comma 13 del codice, in base al quale "Fino all'adozione del decreto di cui all'articolo 81, comma 2, le stazioni appaltanti e gli operatori economici utilizzano la banca dati AVCPass istituita presso l'ANAC", oppure è possibile procedere alla verifica dei requisiti anche al di fuori del sistema AVCPASS, rifacendosi a quanto previsto dalla Delibera ANAC 111/2012, all'art. 9, comma 1-bis succitato? Ringrazio per la cortese attenzione e saluto cordialmente.
  • quote nei raggruppamenti temporanei di imprese
     
    Con riferimento ad una gara per l' appalto di lavori pubblici potreste chiarire - magari con un esempio - la differenza tra quota di partecipazione e quota di esecuzione ? E' necessario che gli operatori specifichino già in fase di gara la quota di partecipazione al raggruppamento o è possibile che essi si limitino a dichiarare la quota di esecuzione ? Grazie per la risposta
  • raggruppamenti temporanei di imprese - quote
     
    Relativamente alle indicazioni sulla partecipazione dei raggruppamenti temporanei di concorrenti alle procedure di affidamento dei servizi di architettura ed ingegneria, il Bando tipo ANAC n.3, al punto 7.4 prevede che “[Se richiesto elenco di servizi di ingegneria e architettura] Nell’ipotesi di raggruppamento temporaneo orizzontale il requisito dell’elenco dei servizi di cui al precedente punto 7.3 lett. i) deve essere posseduto, nel complesso dal raggruppamento, sia dalla mandataria, in misura maggioritaria, sia dalle mandanti.” Tale disposizione sta creando al nostro ufficio dei dubbi in sede di qualificazione dei raggruppamenti come p.e. nel caso in cui si abbia un componente che copra comunque tutto l’importo di servizi previsto per una determinata Categoria e ID ma ci siano altri componenti indicati come svolgenti parte delle prestazioni per tale Categoria e ID senza apportare alcun requisito. Il raggruppamento si può ritenere ammesso oppure è necessario, chiedere con soccorso istruttorio, un minimo importo di qualificazione per la relativa Categoria e ID anche per tale componente, in base alla validità dell’assunto che ciascuno deve essere qualificato per la parte delle prestazioni che si impegna ad eseguire ? Si chiede, cortesemente, un Vs, parere in merito.
  • accordo quadro - importo
     
    Nel caso di accordo quadro per servizi di manutenzione del verde, si chiede se, il contratto da stipulare con l'appaltatore si debba considerare fino alla concorrenza dell'importo dei servizi posti a base di gara , oppure l'importo del contratto si deve riferire all'importo al netto del ribasso offerto in sede di gara. Ad esempio importo a base di gara 150.000,00 ribasso offerto 20%, l'importo dei servizi per l'accordo quadro potranno essere svolti fino alla concorrenza dei 150.000,00 , applicando il ribasso sull'elenco prezzi ai vari contratti applicativi, oppure l'importo totale dei servizi per l'accordo quadro saranno complessivamente pari ad euro 120.000,00?.
  • modifica contrattuale - recesso
     
    Si chiede come può essere trattata ai sensi dell'art. 106 D. Lgs. 50/2016 , una modifica contrattuale per un servizio in diminuzione per oltre il 50% rispetto al valore iniziale del contratto .
Pagina: 1 di 1