headerphoto

Novità sugli appalti di marzo 2018

  • DAL 18 APRILE OBBLIGATORIO IL DGUE VERRA' RESO IN FORMATO ELETTRONICO (40.2 - 85.1)
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Dal prossimo 18 aprile il documento di gara unico europeo (dgue) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica, nel rispetto di quanto previsto dal codice dei contratti pubblici (art. 85, comma 1).
  • CONTRATTI PUBBLICI - CRITERI DI AGGIUDICAZIONE PREVISTI DALL’ART. 95 D.LGS. 50/2016 – CONTESTAZIONI - ONERE DI IMMEDIATA IMPUGNAZIONE (95)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Le contestazioni inerenti i criteri di aggiudicazione previsti dall’art. 95 d.Lgs. 50/2016, laddove ritenuti non idonei a consentire la formulazione di offerta consapevole, dovrebbero essere, in quanto direttamente lesive, immediatamente dirette nei confronti del bando e non dell’aggiudicazione.
  • OBBLIGO DI INDICARE NELL’OFFERTA GLI ONERI PER LA SICUREZZA AZIENDALE (83.9 – 95.10)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Con l’entrata in vigore del d. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 è stata superata ogni incertezza interpretativa nel senso dell’inderogabilità dell’obbligo derivante dall’art.95, comma 10 in merito alla dichiarazione da rendere in sede di offerta economica.
  • SOCCORSO ISTRUTTORIO - TERMINE PER INTEGRAZIONE DOCUMENTALE – PERENTORIO – PAR CONDICIO E CERTEZZA DIRITTO (83)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Il termine assegnato dalla stazione appaltante ai fini delle integrazioni documentali nell’ambito del sub-procedimento del soccorso istruttorio ex art. 83, è da ritenersi perentorio.
  • FORUM NAZIONALE PER L'E-PROCUREMENT (212.1)
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Istituito il forum nazionale per l’e-procurement.
  • MANCATA PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE DI EQUVALENZA - NON RICHIESTA A PENA DI ESCLUSIONE - NON OSTA ALLA VALUTAZIONE DI IDONEITA’ DA PARTE DELLA STAZIONE APPALTANTE
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    La mancata presentazione della dichiarazione di equivalenza del prodotto alle specifiche tecniche che non è sanzionata con l'esclusione dalla lex specialis consentire alla stazione appaltante lo svolgimento di un giudizio di idoneità tecnica dell'offerta e di equivalenza dei requisiti del prodotto offerto.
  • RESPONSABILITA' SOLIDALE COMMITTENTE SU DIPENDENTI SUBFORNITORE
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Il committente è obbligato in solido anche con il subfornitore relativamente ai crediti lavorativi, contributivi ed assicurativi dei dipendenti di questi.
  • PROROGA CONTRATTO - DISCREZIONE PA
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Rientra nella discrezionalità dell’amministrazione la scelta di concedere una proroga al termine di presentazione delle offerte, tenendo conto dei differenti interessi coinvolti nella procedura di affidamento del contratto e delle circostanze di fatto del caso concreto.
  • REQUISITI DI PARTECIPAZIONE - DISCREZIONALITA' DELLA PA
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    E' illegittima la clausola della lex specialis di gara che impone ai concorrenti di essere proprietari degli automezzi utilizzati per il servizio oggetto di affidamento.
  • GUSTIFICAZIONI OFFERTE - CONGRUITA' E SERIETA' (97.5)
    PRASSI 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Le spiegazioni offerte dall’istante non consentono di effettuare alcuna verifica in ordine alla congruità, serietà, sostenibilità e realizzabilità dell’offerta, come richiesto dalla norma, in quanto totalmente carenti delle informazioni minime necessarie per la valutazione, tra cui in particolare quelle di cui all’art. 97, comma 4 e che quindi l’esclusione della società cora costruzioni è illegittima non perché sia dimostrato che l’offerta è congrua e seria, ma perché le giustificazioni offerte non possono consentire alcun giudizio né in un senso né nell’altro.
Pagina: 1 di 17

Quesiti di marzo 2018

  • consorzio stabile - pagamento diretto consorziata - scioglimento del consorzio
     
    si chiede se sia lecito / possibile in un contratto d'appalto pubblico procedere al pagamento diretto del corrispettivo alle consorziate esecutrici (ad esempio in analogia a quanto permesso dal c. 13, art. 105, D.Lgs. 50/2016 per il subappaltatore o prevedendo un'apposita appendice all'atto costitutivo del consorzio stabile stesso). Si chiede inoltre, ove lo stesso consorzio stabile fosse sciolto, se e come il contratto di appalto potrebbe proseguire tra committente e consorziate esecutrici nel caso le stesse fossero in possesso dei requisiti di partecipazione ed esecuzione alla gara da cui il contratto ha avuto origine.
  • Soggetti aggregatori
     
    Considerato che, nell’eventualità di iniziative non ancora attive da parte dei soggetti aggregatori, questa stazione appaltante può fare ricorso alla stipula di un contratto ponte ai sensi dell’art. 63 del Dlgs 50/2016 e del DPCM del 24.12.2015 per lo stretto tempo necessario all’avvenuta aggiudicazione da parte della centrale d’acquisto di riferimento, si chiede Vostro parere in ordine alle modalità procedurali da porre in essere, ossia se il ricorso al contratto ponte coincide con l’affidamento alla Ditta attuale affidataria del contratto in essere (evitando in tal caso sovrapposizioni procedurali con la SUA o incompatibilità con la brevità dei tempi) o, altrimenti, con normali procedure di gara senza previa pubblicazione di bando.
  • Varianti contrattuali
     
    Questo Ente ha espletato una procedura aperta di P.P.P. (Partenariato Pubblico Provato) della pubblica illuminazione con a base di gara uno studio di fattibilità del'Ente, con i costi storici dei consumi elettrici e della manutenzione. In sede di gara alcune ditte hanno evidenziato che nel comune vi sono più punti luce di quelli riportati nello studio di fattibilità, a cui è stato riposto dall'Ente che i maggiori punti luce saranno trattati nei modi e nelle forme di cui all'art. 106 del D.Lgs 50/2016. In fase di sottoscrizione del contratto la ditta aggiudicataria chiede la modifica degli importi posti a base di gara in funzione dei maggiori punti luce con un incremento del 40% dei costi. Con tale modifica è legittima la firma del contratto?
  • Affidamento sotto i 40.000 euro
     
    Nel caso di affidamento di un servizio/lavoro/fornitura di importo inferiore ad euro 40.000 per il quale si intende procedere ad affidamento preceduto da avviso di manifestazione di interesse invitando almeno 5 operatori economici, volevamo sapere se questo caso rientra nella fattispecie di affidamento ai sensi dell'art. 36 c. 2 lett a) in quanto inferiore a 40.000 euro oppure all'art. 36 c. 2 lett. b) in quanto procedura negoziata preceduta da manifestazione di interesse con più operatori economici
  • Mancata sottoscrizione offerta
     
    In una procedura aperta per l’acquisto di automezzi per la raccolta dei rifiuti, da aggiudicare mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, il disciplinare di gara prevedeva la presentazione di una relazione tecnico-descrittiva dei mezzi offerti (oggetto di specifica attribuzione di punteggio) e imponeva la sottoscrizione dell’offerta da parte del legale rappresentante / procuratore del concorrente, specificando che le cause di esclusione dalla gara sono quelle previste dal D.Lgs. 50/2016. Un concorrente ha presentato (dentro una busta sigillata, timbrata e siglata sui lembi di chiusura) la suddetta relazione tecnico-descrittiva su propria carta intestata ma assolutamente priva di qualsivoglia firma e timbro del legale rappresentante / procuratore. Si chiede se vi siano o meno gli estremi per ricorrere al soccorso istruttorio per sanare tale mancanza.
  • Durata contratti di affidamento
     
    Si chiede se è prevista una durata massima contrattuale in caso di affidamento di servizi ai sensi del D. Lgs. 50/2016 considerando anche l'eventuale rinnovo.
  • garanzia provvissoria - soccorso istruttorio
     
    La mancata presentazione della cauzione provvisoria e dell'impegno del fidejussore a rilasciare garanzia definitiva sono causa di esclusione o suscettibili di soccorso istruttorio ai sensi dell'art. 83, comma 9 del D.Lgs 50/2016?
  • white list - requisito partecipazione
     
    La L. 06/11/2012, n. 190, in combinato disposto con il D.L. 90/2014, ha disposto l’istituzione presso le Prefetture di un elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio (c.d. white list), tra cui l’attività di autotrasporto per conto di terzi. In attuazione dell’art. 1, comma 56, della L. 190/2012, è stato adottato il D.P.C.M. 18/04/2013, poi modificato dal D.P.C.M. 24/11/2016, che ha subordinato la stipula, l’approvazione o l’autorizzazione di contratti e subcontratti relativi a lavori, servizi e forniture pubblici, ai fini dell’acquisizione della documentazione antimafia liberatoria, all’iscrizione dell’impresa nella white list. Si chiede se le attività a rischio siano da ritenere assoggettate a tale disciplina solo se collegate all’esecuzione di lavori (p.es. trasporto macerie in discarica) o anche nel caso, per esempio, di corrieri (servizi di spedizione merci). Grazie
  • Principio di rotazione
     
    Spett.le Esperto buonasera, con la presente sono a formulare il seguente quesito: l’amministrazione sta predisponendo e pubblicando, in momenti distinti e differenti, svariate indagini di mercato finalizzate alla individuazione, mediante sorteggio, di candidati da invitare alle correlate future procedure negoziate ex art. 36, comma 2), lett. b del “Codice dei Contratti”. Negli avvisi, fra le altre, si precisa che l’ente appaltante garantirà anche il rispetto del principio di rotazione deglli inviti, sancito dal succitato “Codice” e dalle “Linee Guida n. 4” emanate dall’ANAC. Nel corso della manifestazione di interesse “n. 1” è stato sorteggiato un Raggruppamento Temporaneo di Professionisti (RTP) così composto: “Tizio (mandatario), Caio e Sempronio (mandanti)” mentre, nella manifestazione di interesse “n. 2”, ha presentato istanza di partecipazione un (RTP) così composto: “Alfa” (mandatario), Beta (mandante) e, nuovamente, Sempronio (mandante)”. Dando per assodato che, nel rispetto del già citato criterio di rotazione, non si dovrebbe ammettere ad altra estrazione un candidato già estratto e che ha presentato richiesta di partecipazione in forma singola (ad esempio libero professionista o società di ingegneria), si domanda:_ sarebbe da escludere dal secondo sorteggio il RTP così come sopra individuato, poiché al suo interno è ricompreso un soggetto che, di fatto, è già destinatario di un futuro invito alla procedura negoziata relativa alla manifestazione n. 1? Potrebbe il secondo RTP considerarsi figura differente da quella sorteggiata nella prima indagine di mercato e, quindi, essere ammesso al sorteggio della seconda manifestazione di interesse nel rispetto dei princìpi di libera concorrenza e non discriminazione? Si ritiene maggiormente corretto, trasparente e legittimo operare nel senso di non ammettere a future estrazioni soggetti che fossero già stati estratti, anche nel caso in cui si trattasse di componenti di un operatore economico (OE) che ha partecipato e/o partecipa in forma plurisoggettiva. Al contrario, la situazione sarebbe a dir poco controversa poiché, ad esempio, un O.E. che solitamente presenta istanza in forma singola, in quanto in possesso di tutti i requisiti richiesti, potrebbe formare diversi e differenti RTP di comodo, per aumentare le proprie possibilità di essere estratto, ledendo i principi di tutela della concorrenza e par condicio dei partecipanti. Si ringrazia cordialmente per l’attenzione che sarà dedicata al quesito.
  • Proroga tecnica nei contratti sotto soglia comunitaria
     
    Si richiede se è possibile ricorrere ad una "proroga tecnica" di un servizio sotto soglia comunitaria, in attesa dell'espletamento di una nuova procedura di gara, al fine del proseguimento dell'erogazione dello stesso.
Pagina: 1 di 2