headerphoto

Novità sugli appalti di agosto 2017

  • ESCLUSIONE ALLA PARTECIPAZIONE DELLE ATI VERTICALI - ILLEGITTIMITÀ (48.2)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Si ha una limitazione illogica della la possibilità degli operatori economici del settore di partecipare alla gara in violazione dell’art. 30 del d.Lgs. N. 50/2016 e eccesso di potere (in relazione al censurato profilo della irragionevolezza), qualora un bando di gara, pur non richiedendo il possesso di alcun requisito in ordine alla capacità tecnico - organizzativa e alla capacità economico - finanziaria degli operatori economici, richieda espressamente il possesso di molteplici e specifiche certificazioni di qualità. l'esclusione della partecipazione alla gara mediante raggruppamenti di imprese di tipo verticale non appare conforme a quanto previsto dall’art. 48, 2° comma, del d.Lgs. N. 50/2016.
  • CONCESSIONI - APPLICABILITÀ DEL PRINCIPIO DI ROTAZIONE - L’INVITO ALL’AFFIDATARIO USCENTE HA CARATTERE ECCEZIONALE E DEVE ESSERE MOTIVATO (36 - 164.2)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Il principio di rotazione trova fondamento nella esigenza di evitare il consolidamento di rendite di posizione in capo al gestore uscente (la cui posizione di vantaggio deriva soprattutto dalle informazioni acquisite durante il pregresso affidamento), soprattutto nei mercati in cui il numero di agenti economici attivi non è elevato. Pertanto, in linea generale, ciò comporta che l’invito all’affidatario uscente riveste carattere eccezionale e deve essere adeguatamente motivato. Inoltre, l’art. 164, 2 comma, del d.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, prevede l’applicabilità anche alle concessioni delle previsioni del titolo II del codice (e, quindi anche dell’art. 36 relativo al suddetto principio).
  • PRINCIPIO DI ROTAZIONE - COTTIMO FIDUCIARIO - ESCLUSIONE PRECEDENTI AFFIDATARI DIRETTI
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    Il base al principio di rotazione, la stazione appaltante ha la possibilità di escludere dall'invito un operatore già interessato ad un rapporto contrattuale con la stessa amministrazione. Il principio della “rotazione”, imposto con riferimento alla procedura di “cottimo fiduciario”, appare concepito dal legislatore come una contropartita, o un bilanciamento, del carattere sommario e “fiduciario” della scelta del contraente.
  • MALFUNZIONAMENTO PIATTAFORMA SINTEL - PROROGA TERMINI DEPOSITO OFFERTA - LEGITTIMO (79.5BIS)
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Legittima la proroga dei termini di deposito dell'offerta in caso di malfunzionamento della piattaforma telematica.
  • GIURISDIZIONE - CONTROVERSIE RELATIVE ALLA FASE DI ESECUZIONE DEL CONTRATTO - APPARTENGONO ALLA GIURISDIZIONE ORDINARIA
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Le controversie relative alla fase di esecuzione del contratto rientrano nella giurisdizione dell’autorità giudiziaria ordinaria.
  • PREDETERMINAZIONE CRITERI PUNTUALI PER L’ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI ED ELEMENTI DI VALUTAZIONE PERTINENTI ALLA NATURA, OGGETTO E CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Nella documentazione di gara devono essere indicati criteri di valutazione dell’offerta che siano pertinenti alla natura, all’oggetto ed alle caratteristiche del contratto.
  • REVISIONE PREZZI - AZIONE SUL SILENZIO - GIURISDIZIONE - AMMISSIBILITÀ AZIONE INNANZI AL GIUDICE AMMINISTRATIVO
    GIURISPRUDENZA 
    SERVIZI
    Ai sensi dell'art. 133 comma 1 lett. E) n. 2, c.P.A., rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo la controversia inerente la revisione dei prezzi in un contratto qualificabile come appalto pubblico di servizi, atteso che l'art. 244 del codice dei contratti pubblici, superando la tradizionale distinzione in base alla quale erano devolute alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie relative al quantum della revisione prezzi e al giudice amministrativo quelle relative all'an debeatur, imponeva la concentrazione dinanzi alla stessa autorità giurisdizionale di tutte le cause relative all'istituto della revisione prezzi negli appalti pubblici ad esecuzione continuata o periodica, con conseguente potere del giudice amministrativo di conoscere della misura della revisione e di emettere condanna al pagamento delle relative somme.
  • ILLEGITTIMA FORMULA VALUTAZIONE OFFERTA FONDATA SUL PREZZO - SINDACABILITA' IMPORTO TOTALE DELLA PROCEDURA
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    La base d'asta deve essere credibile e non formulata su stime irrealistiche e disancorate dalla realtà dei valori di mercato.
  • INTERDITTIVA ANTIMAFIA - RISARCIMENTO DEL DANNO - RIMESSIONE ALLA ADUNANZA PLENARIA
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI
    Il consiglio di stato rimette alla adunanza plenaria la decisione se l'interdittiva antimafia ai danni di un impresa illegittimamente estromessa da un appalto blocca anche il risarcimento del danno a suo favore, accertato con sentenza passata in giudicato.
  • MANCATA COMPROVA REQUISITI - ESCUSSIONE DELLA CAUZIONE PROVVISORIA
    GIURISPRUDENZA 
    LAVORI FORNITURE SERVIZI PROGETTAZIONI
    L'incameramento della cauzione nelle gare pubbliche di appalto costituisce conseguenza ex lege dell'esclusione per riscontrato difetto dei requisiti di partecipazione da parte del concorrente.
Pagina: 1 di 6

Quesiti di agosto 2017

  • Calcolo soglia di anomalia
     
    Il calcolo di cui all'art. 97, comma 2, del D.Lgs 50/2016, nel caso in cui il numero delle offerte sia superiore a 5, rappresenta un obbligo o una facoltà/possibilità per la stazione appaltante? La richiesta di spiegazioni di cui all'art. 97, comma 1, del D.Lgs 50/2016, prescinde dal calcolo (secondo una delle diverse modalità sorteggiate) di cui all'art. 97, comma 2, del D.Lgs 50/2016? Cordiali saluti
  • Qualificazione procedure affidamento inferiore 150.000
     
    Si richiede se, nel caso di affidamento di lavori di importo inferiore a 150.000,00 euro, che si riferiscono esclusivamente alla categoria OS7 e altri esclusivamente alla categoria OS24 , debba essere richiesta la qualificazione SOA in quanto categorie a qualificazione obbligatoria o, in alternativa, se, visto l'importo inferiore a 150.000,00, si possa procedere ai sensi dell'art. 90 del DPR 207/2010.
  • Servizi di natura intellettuale - mancata indicazione costi di sicurezza e manodopera
     
    Questo Istituto sta procedendo all'affidamento -mediante procedura negoziata da esperirsi sul MePA- per la fornitura in licenza d'uso dei programmi e servizi connessi di un sistema informatico integrato comprensivo dei servizi di recupero dati, installazione, formazione del personale, aggiornamenti normativi del software gestionale ed assistenza tecnica e sistemistica. Importo (per 5 anni) €.130.000. Si desidera conoscere il parere dell'Esperto se i concorrenti sono tenuti ad indicare nell'offerta -a pena di esclusione- i costi della manodopera e degli oneri aziendali, ex art.95, comma 10 del D.Lgs . 50/2016, o se, a norma dello stesso articolo tale adempimento possa considerarsi non dovuto in quanto classificabile come “fornitura di servizi di natura intellettuale”. Si ringrazia
  • Qualificazione in materia di lavori
     
    Si chiede, se possibile, la cortesia di un sollecito riscontro. Gara lavori pubblici: importo complessivo superiore a 150.000,00 Euro (TOTALE 600.000,00 Euro). Cat. prevalente OG1: 500.000,00 euro Cat. scorporabile OS28: 100.000 euro. DOMANDA: Concorrente in ATI VERTICALE - MANDATARIA qualificata con attestazione SOA OG1 class III. - mandante intende qualificarsi con art. 90 DPR 207/2010 per la categoria OS28. Si chiede la legittimità della prospettata qualificazione alla luce del fatto che trattasi di appalto di lavori pubblici di importo superiore a 150.000,00 euro complessivamente. Si ringrazia anticipatamente e si chiede la cortesia di un riscontro il più sollecito possibile.
Pagina: 1 di 1